Televisione, Cultura, Democrazia

Manette alla ERT dal governo della “forza pubblica”

Giovedì, 7 novembre 2013 alle 4:20 del mattino, la polizia del governo greco in assetto antisommossa ha fatto irruzione alla sede dell’emittente radiotelevisiva nazionale ERT, sgomberando i circa 50 dipendenti che occupavano la sede dallo scorso 11 giugno, infliggendo così il definitivo colpo di grazia alla libertà e l’indipendenza dell’informazione.
A giugno, infatti, il governo aveva deciso improvvisamente di chiudere l’emittente e di licenziare tutti i 2.700 dipendenti.

Alle 21:00 è stato trasmesso il telegiornale serale della ERT in “esilio”, realizzato da una postazione improvvisata in digitale.
L’ultimo telegiornale della ERT è stato presentato dalla giornalista Aglaìa Kyrìtsi, non da uno studio ma dal marciapiede del Viale Messogeìon davanti alla sede della radiotelevisione ellenica e come sfondo la polizia in assetto antisommossa.

Αγλαΐα Κυρίτση | Aglaia KiritsiLa giornalista Aglaìa Kyrìtsi

Un immagine vergognosa che offende la dignità dell’uomo, mortifica le istituzioni democratiche del nostro paese, pregiudica l’indipendenza della libera espressione, umilia ogni cittadino.


Link consigliati
Organizzazione Ellenica per i Diritti Umani

Leggi anche
La lacrima rubata alla democrazia