La Festa della Democrazia

11 Novembre 1973 | 42o anniversario della rivolta del Politecnico di Atene

Quarantadue anni dopo la contestazione degli studenti del Politecnico di Atene, nel novembre del 1973, l’eroica rivolta del popolo e dei giovani contro la dittatura militare, rimane ancora l’esperienza più esaltante di ogni conquista democratica.
Oggi onoriamo le migliaia di attivisti, i morti nel mese di novembre e tutti coloro che ci sono sacrificati combattendo per la libertà e la democrazia.
In modo che le nuove generazioni vengano a conoscere la verità circa la grande rivolta popolare del Politecnico, il ruolo svolto dalla dittatura militare a difesa di interessi stranieri nel nostro paese, il tradimento del’isola di Cipro e la conseguente invasione turca e l’occupazione dell’isola.
Il segno impresso dalla rivolta del Politecnico è ancora oggi vivo ed attuale. La difesa della libertà e della democrazia, la rivendicazione dei diritti sociali dell’istruzione pubblica e il diritto al lavoro rappresentano oggi le nuove sfide di superamento delle prospettive in chiave politica.

″…Esordio di lotta agoni nuovi guide della speranza i primi morti…″

I PRIMI MORTI (Esordio di Lotta)

Esordio di lotta agoni nuovi
guide della speranza i primi morti.

No altre lacrime le tombe sono chiuse
concime della libertà i primi morti.

Un fiore di fuoco spunta sulle tombe
mandano un messaggio i primi morti.

Avranno risposta unità e lotta
perché trovino riposo i primi morti.

Versi: Alekos Panagoulis
Musica: Mikis Theodorakis
Cantano: Mikis Thedodorakis, Maria Farandouri e Maria Dimitriadi
Vinile 33 giri: Le Canzoni di Lotta, 1971
Traduzione: Gian Piero Testa


Leggi anche
Qui Politecnico | Atene 1973
Novembre 1973 | Novembre 2013